Perle di buon umore

>> mercoledì 20 maggio 2009








Per parcondicio voglio raccontarvi una barzelletta sull'altro bassetto del panorama politico e visto che io faccio parte della sua schiera di fannulloni è ancora più sentita.


In uno deigli ultimi incontri tra Veronica e suo marito si parlava delle donnine di strada e si faceva una riflessione su come riaprire i vecchi casini.
Berluscao per chiedere informazioni su come si gestivano queste "case chiuse" chiede al suo discepolo Fede di fare una piccola ricerca sul posto.
Va da una vecchia maitresse del nord italia che comincia a raccontare i vecchi tempi circa 50 anni or sono, come venivano gestite le ragazze e sui clienti.
Signora :-chi erano questi clienti?
-E mi ricordo che veniva un signore elegante e portava sempre dei bei dolci panettoni per tutti.
Il signor Motta?
-Si si proprio lui.Poi veniva un signore distinto con l'orologio sopra il polsino, con la erre moscia, e ci portava tanti modellini di automobili.
Ma chi Agnelli?
-Si si proprio lui. Poi ricordo un certo Renato.
Chi Bruneffa.No non è possibile. Risponde il caro Emilio, 50 anni fa era piccolo , quanto poteva avere 7-8 anni. che veniva a fare?
Che veniva a fare??
Stava qui mangiava i panettoni, giocava con i modellini delle auto, e quando sua madre aveva finito di lavorare tornava a casa.


Sisifo



10 Cosa mi dite?:

Ormoled 20 maggio 2009 18:51  

Bellissima :)
ma dove le tiri fuori?
Ciao

bruno 20 maggio 2009 21:51  

Io sono sempre dell'idea che le colpe delle madri non dovrebbero ricadere sui figli.
:-)

Le Favà 21 maggio 2009 04:32  

hahahahXD

Roberta Granada 21 maggio 2009 08:13  

Oi , gosto muito do teu blog, eu tb tenho um blog sobre artesanato em geral e agora estou disponibilizando aos meus leitores download de revistas encontradas pela net, http://agulhaetricot.blogspot.com,visite-me,beijo.

Dalle8alle5 21 maggio 2009 08:17  

Molto molto carina :-D

Lo 21 maggio 2009 23:08  

ahahah perfettaaaaaaaaa....un bacione!!!

Il tecnico incaricato 22 maggio 2009 20:02  

..è tutto vero! Infatti, dopo che le case hanno chiuso, io la vedevo sempre sul Ponte delle Tette a Venezia, ogni volta che passavo di lì ( ...non le ho mai chiesto niente, era ormai troppo vecchia per me! )

lea 26 maggio 2009 00:46  

Ma sei spettacolare con queste tue trovate!!
Scusa se in questo periodo non sono molto presente, ma anche se non ho tempo di rispondere, ti leggo con molto piacere. A presto!

koala 26 maggio 2009 17:04  

Grazie per le risate di cuore...
Anche per le barzellette precedenti. Ne ho bisogno.
Bacini

stella 27 maggio 2009 20:20  

Ciao Sisifo, come va?
Bella barzelletta.

nome ancestrale :Falena

....Vedi questo forellino?
Questa falena presto emergerà. Ora è dentro che lotta, che si scava la via attraverso la corteccia del bozzolo. Adesso la potrei aiutare... con il coltello... potrei allargare il foro e la falena sarebbe libera. Ma troppo debole per poter sopravvivere. In natura si lotta per diventare forti.....(Lost)

mind soul therapy

Le pagine di natale by Sisifo

C'è nessuno!!!

  © Blogger templates Shiny by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP